Comunicato Stampa: 2 Ottobre 2013 – MoVimento Cinque Stelle Senorbì

Immediate azioni di rilancio economia e di sostegno per la cittadinanza, sala della musica e creazione del piano di emergenza comunale.

Il MoVimento Cinque Stelle Senorbì, a fronte della situazione attuale conferma la crisi più totale, regressiva e infame che affligge il paese Senorbì. La situazione peggiora, ed è particolarmente profonda sia in termini economici sia in termini sociali. Si chiedono sistematicamente alla maggioranza di governo, con il supporto della nostra componente del consiglio comunale, azioni di importante manovra e di efficace procedimento. L’intento è quello di stimolare e creare dei rapporti sani e duraturi di collaborazione a progetto tra le forze politiche senorbiesi, senza nessuna malafede e nessuna demagogia. Pura e semplice volontà di lavorare per il bene del paese Senorbì.

Si chiede di innovare, predisponendo quindi dei corsi mirati al perfezionamento nell’utilizzo del computer e dei suoi derivati, ma anche rendendo ancora più informatizzata l’amministrazione comunale. Si chiede di attivare corsi e percorsi educativi, volti al miglioramento delle lingue. Creare quindi seminari e progetti concernenti viaggi studio all’estero dove si possano per esempio prevedere dei tirocini in delle aziende o degli scambi culturali.

Si chiede di investire nelle energie rinnovabili e generare posti di lavoro rispettando esponenzialmente l’ambiente. Crediamo che la contrazione di un mutuo avente come obiettivo la realizzazione di impianti per la produzione di energie rinnovabili e la riqualificazione energetica degli edifici siti in Senorbì e nello specifico individuati nelle scuole elementari e medie, nell’edificio del Comune, abbia una grossa funzione di sviluppo e di risparmio effettivo dei costi legati all’energia. Infatti, agirebbe su due fronti:

1) l’abbattimento delle spese energetiche e di riscaldamento da parte delle casse comunali;

2) collocherebbe un importante ammontare di denaro circolante nelle tasche delle piccole imprese locali giacché si avvierebbe un’attività di riqualificazione energetica avente come scopo l’efficientamento energetico. Le piccole imprese locali possibilmente coinvolte sarebbero quindi coloro che si occupano di infissi, di cosiddetti cappotti, di impermeabilizzazioni, di coibentazioni, etc.

Si chiede di aderire al progetto Acqua Pubblica (presentato al Sindaco Sanna in questi giorni) con la creazione di fontanelle di acqua potabile presso alcuni centri strategici del paese. Si dà in questo modo alle famiglie la possibilità di rifornirsi di acqua distribuendo un prodotto controllato e sicuro, si viene incontro al cittadino permettendole di risparmiare una cifra che si aggira intorno ai 1000 euro annuali per ogni famiglia media di 4 persone, realizzando sia un risparmio della produzione di plastica sia un risparmio delle spese dovute allo smaltimento della stessa plastica delle bottiglie.

Si chiede di aprire immediatamente il centro della musica, ancora latitante.

Si chiede di agire immediatamente nella redazione secondo i criteri e le modalità riportate nelle indicazioni operative del Dipartimento della Protezione Civile e delle Giunte regionali, di un piano di emergenza comunale. Il piano di emergenza comunale è infatti diventato un obbligo di legge il 10 luglio 2012, con la promulgazione della legge 100. Essendo di 90 giorni il termine per l’approvazione, si deduce che ad oggi Senorbì (così come la metà dei comuni sardi) sia in ritardo di circa 365 giorni.

MoVimento Cinque Stelle Senorbì

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...