Flotta Sarda -colpita e affondata.

Niente Flotta Sarda nell’Estate 2013, lo ha annunciato il Presidente Cappellacci, mancherebbero i tempi tecnici!

flotta-sarda-spa-addio-anteprima-600x401-876544

 

Flotta Sarda Addio: La principale critica che veniva mossa alla Regione Sardegna negli scorsi anni in relazione alla Flotta Sarda era quella di organizzarsi sempre troppo tardi, con le prenotazioni che venivano aperte quando la gran parte degli italiani aveva già scelto (e prenotato) dove fare le proprie vacanze. Quest’anno invece è stata fatta subito chiarezza, la Flotta Sarda nell’Estate 2013 non ci sarà, ad annunciarlo lo stesso Presidente della Regione Sardegna, Ugo Cappellacci (che mantiene anche l’interim ai trasporti dopo l’ultimo rimpasto), secondo il quale mancano i tempi tecnici per far partire l’iniziativa: “Quest’estate sarà difficile che ci sia la Flotta sarda. La tempistica non lo consente, anche se la speranza è quella di cercare di mettere in campo delle iniziative“.

Nel pomeriggio poi il comunicato ufficiale: “Per la flotta sarda stiamo lavorando ad una soluzione strutturale e di lungo periodo, nello spirito della legge istitutiva” e ancora “”Siamo consapevoli dei tempi necessari, delle difficoltà e della manifesta ostilità a questo progetto da parte di chi intend

e mantenere antichi privilegi e un sistema di trasporti marittimi che, per usare un eufemismo, per decenni ha penalizzato l’Isola e i Sardi, ma continuiamo a lavorare quotidianamente affinché al più presto le navi con i quattro mori ritornino ad assicurare quella continuità territoriale e quella qualità dei servizi che é stata sempre negata” e infine “Per questo ogni nostra mossa sarà calibrata al fine di mettere al riparo un percorso virtuoso e un’azione di liberazione della Sardegna dalle catene arrugginite dei signori del mare, dagli attacchi dei nostalgici del sistema Tirrenia e di uno Stato centrale che in questa battaglia, come in altre, si é schierato dall’altra parte della barricata, contro le regole del libero mercato e incurante della necessità, per noi vitale, di superare la condizione di insularità“.

A parte la retorica e la propaganda politica, da queste parole traspare la paura per le indagini dell’ l’Unione Europea che sono state riassunte di recente in un’unica istruttoria, dalla privatizzazione della Tirrenia, ai fondi per la continuità territoriale, ai presunti aiuti di stato alla Saremar (dalla Regione Sardegna).

La Flotta Sarda nacque infatti due anni fa per cercare di rompere il presunto cartello tra gli armatori privati e riuscire ad abbattere il costo dei trasporti da e per la Sardegna durante l’Estate. Attraverso la controllata Saremar vennero noleggiati prima uno e poi due traghetti che facevano la spola con la penisola. Un’operazione i cui risultati alla fine non sono stati eclatanti se è vero che la Sardegna negli ultimi anni ha perso oltre un milione di turisti e sulla cui sostenibilità finanziaria indaga, appunto, la UE. Quest’anno doveva nascere la Flotta Sarda spa con una dotazione di 100 milioni di euro.

Pubblicato in data 10/mag/2012

Conferenza stampa del presidente della Regione, Ugo Cappellacci, e dell’assessore dei Trasporti, Christian Solinas,

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...