Diffidate dalle imitazioni!

La corazzata Bismarck

Ultimamente il nostro nucleo in tutta la sua interezza sta ricevendo sempre più richieste di partecipazione, o in qualche modo, alleanza ed unione per il “bene comune”. Improvvisamente tanta gente si riconosce nel grillino medio che molto va di moda a livello nazionale, ma verrebbe da dire ancor di più a Senorbì, in vista di queste elezioni amministrative.

Non fatevi trarre in inganno Signori, diffidate dalle imitazioni!

L’unica vera fonte di “Grillismo” proviene solo da una determinata parte e solo chi farà parte di una lista pentastellata sarà il vero portatore di rinnovamento, di cambiamento. Quello di cui ha bisogno Senorbì, si chiama svolta. Anche se dolorosa o ardua nell’attuazione, la svolta dovrà esserci al più presto e dobbiamo comprendere che di fronte alla stasi c’è solo una soluzione: muoversi.

Altra questione fondamentale: Pensate che chi ha contribuito alla stagnazione sia in grado di distaccarsi, vedere dall’alto ed esprimere soluzioni?

E’ curioso leggere Einstein e riflettere un pò sulla similitudine che si crea, rapportando le parole con la situazione senorbiese

“Non possiamo  pretendere che  le cose cambino, se continuiamo a fare le stesse cose. La crisi è la più grande benedizione  per le persone e le nazioni, perché la crisi porta progressi. La creatività nasce dall’angoscia come il giorno nasce dalla  notte oscura. E’ nella crisi che sorge l’inventiva, le scoperte e le grandi strategie. Chi supera la crisi  supera sé stesso senza essere ‘superato’.

Chi attribuisce alla crisi i suoi fallimenti e difficoltà, violenta il suo stesso talento e dà più valore ai problemi che alle soluzioni. La vera crisi, è la crisi dell’incompetenza.

L’ inconveniente delle persone e delle nazioni  è la pigrizia nel cercare soluzioni e vie di uscita. Senza crisi non ci sono sfide, senza sfide la vita è una routine, una lenta agonia. Senza crisi non c’è merito. E’ nella crisi che emerge il meglio di ognuno, perché senza crisi tutti i venti sono solo lievi brezze. Parlare di crisi significa incrementarla, e tacere nella crisi è esaltare il  conformismo. Invece, lavoriamo duro. Finiamola una volta per tutte con l’unica crisi pericolosa, che  è la tragedia di non voler lottare per superarla.”

Tornando al discorso precedente, perchè solo il MoV può rappresentare il cambiamento? Perchè non possono legittimamente rappresentarlo gli altri, rispettabili, bravi cittadini?

Perchè fanno parte della stessa impalcatura che sorregge questo paese da anni. Pare che le diverse figure, note e meno note, si stiano avvicendando per costruire la corazzata Bismarck in men che non si dica, tutti uniti nel raffinato obiettivo di eliminare il più grande nemico di queste elezioni, il favorito, l’altissimo, l’inarrivabile. Pare anche però che questa corazzata sia costituita da tutt’altro che rinnovamento. Otto persone su dodici saranno probabilmente espressione di altre liste già viste e conosciute.

Forse vedere qualche Ventenne/Trentenne/Quarantenne sparso lì in mezzo può far pensare ad una svolta, ma diciamoci la verìtà, è la solita vecchia storia. I signor Ventenne/Trentenne/Quarantenne ci sono sempre stati nelle liste comunali, con un unico ma enorme problema: nessun potere decisionale.

Dobbiamo fare una cosa sola: Mandarli a casa tutti!

Questo è l’obiettivo comune, la cosa che ci deve unire e raggruppare. Devono andare a casa tutti, coloro che hanno già dato e coloro che con la scia del Movimento vogliono ergersi a grandi innovatori. Purtroppo per loro il vestitino che hanno indossato in questo ultimo mese, è un pò stretto per le loro fisicità, svelando anche quello che era meglio non vedere, l’inviolabile.

Detto questo, ci auguriamo di poter assistere ad una campagna elettorale che sia di rispetto e di onestà verso tutti. Quando e se ci saranno delle divergenze, delle discussioni, dovranno essere esclusivamente di contenuto. Questo noi faremo e questo chiederemo sempre e comunque a tutti gli schieramenti. Sarebbe molto spiacevole varcare le aule dei Tribunali o trovarsi delle vergognose insinuazioni anonime concepite esclusivamente per infangare l’altro. Abbiamo purtroppo già avuto brutte esperienze negli anni precedenti.

Il cambiamento inizia anche da queste cose.

Vedremo se la comunità intera saprà essere degna di portare il fardello di paese d’esempio della Trexenta.

Forse sarà il caso di iniziare ad utilizzare anche nei nostri articoli, una frase che molti conosceranno già, ossia: Ci vediamo in… Comune.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...