Movimento 5 Stelle: Gli eletti in Sardegna.

Senato della Repubblica

Roberto Cotti

Roberto Cotti (51anni)

Nato a Cagliari nel 1961. Istruzione: Maturità classica; Laurea in Economia e Commercio (Cagliari 1989); Specializzazione in Economia del Turismo (Università Bocconi, Milano 1992). Lavoro: attività principale: formatore in materie economiche e turistiche, oltre ad attività di studio e ricerca sia in materia di Turismo che in Economia, in particolare sul tema della “decrescita”. Dal 2010 al 2012, ho insegnato “Economia del Turismo” all’Università di Cagliari , come professore a contratto (corso di Laurea in Scienze del Turismo, chiuso quest’anno per tagli). Titolare di una azienda di servizi turistici (convegni, visite guidate) e sono anche guida turistica ed ambientale escursionistica. Attività politica e sociale:  mi sono sempre interessato con impegno a difesa di ambiente, pace, diritti dei cittadini e trasparenza della politica: tra i promotori del primo referendum per chiudere la base militare nucleare di La Maddalena, tra i promotori del ricorso contro i piani paesistici cementificatori degli anni 90’(battaglia vinta), contro basi militari ed interventi militari all’estero, contro la partitocrazia (dal di fuori ed anche dal di dentro, visto che negli anni 90 ho avuto una esperienza nel movimento dei “Verdi” da cui nel 99 fui espulso per avere pubblicamente contestato la loro partecipazione al governo D’Alema che appoggiava la guerra in Kosovo). Impegnato anche su questioni locali: contro il traffico cittadino, per le piste ciclabili (nel 93’, uno dei fondatori di “Città ciclabile”). Da anni in città mi sposto in bicicletta. Mi sono occupato anche della difesa degli spazi verdi e della salvaguardia degli animali. Ho aderito ai Meetup di Beppe Grillo dal 2007 ed al movimento 5 Stelle dalla sua nascita, nel 2009. Sono stato tra gli organizzatori delle raccolte firme in occasione dei “V-Day” e di tante altre iniziative col “Meetup 5 Stelle Cagliari” (ex Cagliari 2”): riciclo dei rifiuti, no agli inceneritori, acqua pubblica, energia pulita.

Dichiarazione di intenti per il parlamento:

Credo che andare in parlamento sia una cosa seria. Non basterà più denunciare quello che faranno gli altri, ma si dovrà costruire un programma più dettagliato, insieme ai cittadini a 5 Stelle, per affermare il nostro movimento come propositivo.

Manuela Serra

Manuela Serra (40anni)
La mia esperienza in attività politiche, sempre contro chi stava al potere, unita alla mia conoscenza dei temi dell’economia credo siano due nuoni motivi per sostenere la mia candidatura.Laurea in Scienze dell’Educazione, presso Univ. Studi di Cagliari con tesi sull'”Educazione permanente” voto 106 anno 2003.
Educatrice presso scuole private e volontariato presso VIS (volontariato Internazionale per lo Sviluppo).
Laurea In Formazione Primaria, presso Univ. Studi di Cagliari, tesi sperimentale con progetto interdisciplinare “come spiegare il Sistema Solare nella scuola primaria” voto 110/lode anno 2006.
Specializzazione presso Università degli studi di Cagliari nel Sostegno. Master 1° livello “autismo e disturbi pervasivi” presso Univ. Tor Vergata Roma.
Insegnante di Sostegno precaria….
Master di 2° Livello (in via di corso) in “Dinamiche Emotivo-Affettive ed Educazione”, presso Univ. Tor Vergata Roma.
Dichiarazione di intenti per il parlamento:
Il Parlamento personalmente mi sembra lontano anni luce dal sociale e quotidiano vivere dei cittadini. Il mio contributo avrà valore se supportato dai cittadini.
Camera dei Deputati

Andrea Vallascas

Andrea Vallascas (36anni)

Sono un cinquestellino della prima ora, mi iscrissi nell’Aprile del 2009 in un meetup di Cagliari per vedere poi, sei mesi più tardi, nascere il MoVimento; da allora seguo, con l’aiuto del gruppo ed in particolare di Antonio Massoni, vari temi e proposte che se attivate potrebbero portare ad una crescita economico ed ambientale per Cagliari e la Sardegna intera. In particolare col gruppo di Cagliari sto affrontando tematiche economiche, ambientali e dello sviluppo di attività sostenibili, tra i vari argomenti rientra sicuramente il Parco Geominerario che sto tuttora affrontando.

http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/cagliari/2012/01/

Il Parco Geominerario è di suo una grande risorsa per la Sardegna intera in quanto l’area mineraria è diffusa un po’ su tutto il territorio regionale. Se il parco partisse genererebbe ricchezza diffusa in particolar modo nell’area più povera d’Italia ovvero il Sulcis-Iglesiente. Ho vissuto in prima persona nel biennio 2009-2011, in quanto diretto interessato, i problemi dei giovani laureati sardi che col programma Master and Back credono o credevano nel programma.

http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/cagliari/2011/05/

Da allora ad oggi purtroppo il Master and Back non è migliorato ma anzi è stato stravolto. Sempre 2011 ed esattamente nel mese di Luglio ho partecipato alla manifestazione dei Movimenti

http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/cagliari/2011/07/i-movimenti-in-movimento.html

da lì a seguire ho dato visibilità, assieme all’Associazione 5 Stelle Cagliari: al rappresentante dell’associazione vessati italiani solidali (Avi-S)
http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/cagliari/2011/12/

ad una delle tante famiglie sarde alle prese con la Legge 44

http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/cagliari/2012/02/

ad un dipendente del Teatro lirico

http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/cagliari/2012/10/teatro-lirico.html

Dichiarazione di intenti per il parlamento:

Entrare nelle più importanti sedi istituzionali e seguire i valori etici e morali del MoVimento 5 stelle ma che non appartegono soltanto al movimento stesso, perché sono valori che ogni cittadino chiede ai propri portavoce. Snellire la macchina burocratica del Paese, applicare finalmente la Costituzione italiana, non sostituirsi alla volontà del popolo, due soli mandati elettorali, sono semplici principi che vogliamo seguire ed applicare.

Basta guardarsi attorno per capire che si può ridurre la pressione fiscale chiaramente abbattendo tutti i costi della politica, come abolire le province ed i vari enti statali creati ad hoc e non realmente funzionali alla collettività.

Riportare alle reali funzioni il parlamento, attualmente svilito dai vari decreti legge, decreti legislativi e continue richieste di fiducia da parte del governo.

Tenendo ben a mente i soprascritti concetti si può provare a favorire, nei seguenti modi, la ripresa dell’economia:

  • incentivando la ristrutturazione e contemporaneamente riqualificando energeticamente gli edifici, nonché rivedere razionalmente l’illuminazione pubblica;

  • mediante la formazione dei neo laureati, con tirocini, in contesti differenti dal territorio italiano;

  • sviluppando le attività sostenibili che  vanno dal campo agricolo, al turismo con la tutela del patrimonio paesaggistico, naturalistico, storico e culturale (la Sardegna da questo punto di vista è una ricchezza immensa);

  • sostenendo la ricerca nei campi tecnologici.

In ultimo ciò che nella precedente legislatura nessuno è riuscito a portare all’attenzione nazionale, ovvero proporre la modifica della legge elettorale europea con individuazione di una circoscrizione unica per la Regione Sardegna.

Emanuela Corda

Emanuela Corda (38anni)

Ho sempre avuto una certa propensione per le arti grafiche e per il disegno. Dopo il liceo classico e dopo aver frequentato la Sardinian School of Comix di Bepi Vigna, mi sono trasferita a Londra per imparare la lingua e affinare il segno grafico. Qui sono entrata in contatto con alcune affascinanti realtà del mondo delle arti grafiche londinesi e ho avuto modo di crescere professionalmente. All’età di 23 anni, rientrata in Italia, ho dovuto abbandonare gli studi universitari a metà percorso – 10 esami in Lettere Moderne – per mancanza di tempo. Avendo inaugurato l’attività in proprio e dovendole dedicare tutto il tempo necessario. Ho iniziato così ad addentrarmi da professionista nel mondo della comunicazione. Collaborando con riviste cittadine e regionali. Non disdegnando la seconda passione dopo il disegno: la scrittura. Ho collaborato con alcuni enti per la promozione di modelli di sviluppo sostenibile, con il Comune di Roma (Municipio XV), aziende del settore moda e design, energie rinnovabili, riviste specializzate e aziende operanti nei diversi settori produttivi. Attualmente lavoro presso il mio studio grafico. Lavoro da oltre 10 anni per i principali quotidiani regionali, per i quali mi occupo di grafica pubblicitaria, editoriale e pagine redazionali. Curo inoltre la comunicazione di affermate realtà del mondo della cultura e del teatro a livello regionale e nazionale, aziende del settore auto, moda, design, turismo, informatica, edilizia, enograstronomia e alcune riviste di settore. Da alcuni anni mi occupo inoltre dell’organizzazione di eventi. Con la creazione di format multisensoriali. Credo che la realizzazione di ciascun individuo, passi anche dalla soddisfazione professionale. Fare un lavoro esprimendo al massimo le proprie potenzialità e valorizzando le proprie  competenze, è già un ottimo presupposto per costruire il proprio futuro. Il lavoro non è solo un diritto, ma anche un traguardo umano. Questa sono io.

Dichiarazione di intenti per il parlamento:

Come parlamentari a 5 Stelle, dovremo farci carico delle istanze della società civile. Mantenendo saldi quei principi che hanno ispirato da sempre la nostra azione. Taglio di tutti i privilegi e dei costi della politica, tematiche energetiche e ambientali, diritto allo studio, equità fiscale e sociale, trasparenza assoluta in tutte le attività parlamentari. Riportare la politica sul piano della sobrietà e della moralità. Ricondurla al suo ruolo originario: improntato sui valori costituzionali, sui principi etici e sul rispetto assoluto della cosa pubblica. I parlamentari sono sempre stati scelti nelle segreterie di partito. Forse anche per questo, la Sardegna è stata dimenticata. Considerata una ruota di scorta, rispetto al resto d’Italia. Ecco perchè dovrebbe essere risolta subito la “vertenza entrate”, affinchè lo Stato italiano restituisca alla Regione Sardegna i tributi dovuti. Bisognerebbe poi bloccare immediatamente la devastazione del territorio: avvelenato dalle servitù militari ed industriali. Avviando le bonifiche ed offrendo nuove opportunità ai tantissimi lavoratori lacerati dall’incertezza del futuro. Riconvertendo le loro competenze e professionalità in progetti virtuosi e rispettosi dell’immenso patrimonio paesaggistico e ambientalistico della nostra isola. Servono politiche e idee innovative che restituiscano dignità ai mestieri legati alla terra, da sempre vocata all’agricoltura, alla pastorizia e al turismo. Con la tutela e la promozione delle produzioni locali e una seria riflessione sul concetto di decrescita. Occorre ridare fiato alla piccola media impresa e al lavoro autonomo con accesso al credito e un fisco meno oppressivo. Ma soprattutto, fermare le criminose leggi sulla “riscossione” che hanno dato le chiavi di casa nostra, in mano ad Equitalia. Credo che uno dei nostri primi “obblighi morali” debba essere fermare subito l’usura legalizzata che si sta perpetrando ai danni dei sardi, gettando nel baratro centinaia di famiglie e di aziende.

Nicola Bianchi

Nicola Bianchi (32anni)

15, Via Nigra, 07036 Sennori (SS)
info@nicolabianchi.net nikbia@gmail.com

Cittadinanza Italiana
Nato a Sassari, 26.04.1980

ESPERIENZE LAVORATIVE

Dall’Aprile 2003 ad oggi (impiego attuale)
Matica, Via Caniga 29b/21, 07100 Sassari (SS)
http://www.maticaweb.net
Rivenditori di software (Zucchetti e System Data) e assistenza informatica

Contratto a tempo indeterminato
Responsabile delle Assistenze telefoniche
Rappresentante per la zona di Sassari-Nuoro-Oristano
Ideazione, costruzione e cura del sito internet e la intranet aziendale (2005)

Dal settembre 2002 al gennaio 2003
Computer Disconunt, 106/H, Viale Umberto, 07100 Sassari (SS) www.computerdiscount.it
Vendita di materiale informatico e assistenza
Collaborazione esterna
Responsabile delle assistenza esterne

Dal luglio 2002 al agosto 2002
Biblioteca comunale Salvatore Farina, 1, Siglienti, 07037 Sorso (SS) Biblioteca
Impiegato a tempo determinato
Responsabile informatico

page1image21440

page1image23760

page1image24296

page1image24456ISTRUZIONE E FORMAZIONE

page2image2704
page2image3240

page2image3400

2000 – 2001

UNIVERSITÀ DI PISA – Ingegneria Informatica

Conseguiti n°3 esami (annualità su un totale di n°5) 1. Fondamenti di informatica I
2. Matematica
3. Fondamenti di Informatica II

1994 – 2000
Istituto Tecnico Industriale G.M. Angioy, Sassari

Diploma di maturità : Perito capotecnico Informatico 79/100

page2image15824

page2image16360

page2image16520

ESPERIENZE POLITICHE

2006: candidato come consigliere comunale in una lista civica ma non eletto

2011: candidato Sindaco nella lista ciVica Sennori 5 stelle ed elettro consigliere di minoranza (con il 14,35%). Il 19 luglio protocollo le dimissioni per lasciar spazio al primo dei non eletti. Nel mio blog (nicolabianchi.net) e nei social network (twitter e facebook) ho riportato tutto il mio operato. Ora attivista per il mio comune e per la mia regione.

ALTRE CAPACITÀ E COMPETENZE

Su tutti i Sistemi Operativi Windows (95-98-ME-2000-XP-Vista-7-8). Internet Explorer. Office 2000-XP-2007-2010 (Word, Access, Exel, Power Point).
Linux (UBUNTU-OpenSuSe-Fedorat-CentOS).
Gimp, Paint Shp Pro e Corel Draw 12.
Macromedia Flash MX, Dreamweaver MX e FrontPage (2000-XP)
Creati diversi siti come: http://lacollinetta.nikbia.com www.nicolabianchi.net http://www.sennori5stelle.net

Assemblaggio di un Personal Computer in tutte le sue parti.

Installazione e configurazione di qualsiasi periferica sul PC. Allestimento, gestione-configurazione di reti su piattaforme Windows. Installazione e utilizzo delle più diffuse distribuzioni di Linux. Allestimento, installazione e configurazione di un server web linux

Turbo Pascal 7.0 (Delph 5), C++ (Microsoft Visual C++ 6, Djgpp).
Html, PHP, Java e Gestione di portali con WordPress, joomla, Drupal. Sviluppo di animazione-presentazioni in Flash.
Visual Basic, iOs.
Massima flessibilità e disponibilità nell’apprendimento di qualsiasi linguaggio-programma

Suono la chitarra elettrica

Gioco a Basket e pratico body building in palestra

Patente di guida (categoria B) Fiat Stilo jtd

Dichiarazione di intenti per il parlamento:

Il mio intento è quello di intercettare nuovi strumenti che consentano la realizzazione di progetti, o meglio dire di un’operatività che porti a compimento l’agire. Un agire basato non come persona singola, ma come persona che opera insieme ad altre dotate di comuni idee.
Alla base di questo non mancherà il massimo impegno e massima trasparenza in tutto il mio operato, ogni movimento verrà riportato sul mio sito e sui vari social network come ho già fatto da Consigliere (www.nicolabianchi.net, facebook, twitter).
 Senza entrare nel dettaglio, un obiettivo rilevante è quello di eliminare una volta per tutti gli sprechi della politica e il blocco dei tagli alla spesa pubblica (istruzione, sanità, ricerca, disabilità).

Paola Pinna

Paola Pinna (38anni)

Candidata in terza posizione nella lista per la Camera del Movimento 5 Stelle in Sardegna, sarà uno dei volti nuovi del prossimo Parlamento italiano. Non ancora quarantenne (38 anni), una laurea in Scienze Politiche, un master in Gestione Aziendale alla Luiss d Roma è disoccupata dall’agosto del 2011. Per 7 anni ha lavorato per un network di agenzie di viaggi poi ha perso l’impiego a causa di una riduzione del personale. Vive con i genitori a Quartucciu, piccolo centro nell’hinterland di Cagliari, ed è consapevole che l’elezione alla Camera “le stravolgerà la vita”.Quando è iniziata la sua militanza nel Movimento 5 Stelle? 
“E’ iniziata per caso l’anno scorso quando mi hanno proposto la candidatura alle elezioni comunali di Quartucciu. Avevo giù maturato l’idea di impegnarmi politicamente per cui ho accettato con entusiasmo”.Poi si è presentata alle Parlamentarie di dicembre.
“Esatto. Ma anche questo è avvenuto per caso. Sono rientrata dall’estero ed ho presentato la mia disponibilità un giorno prima della data di scadenza. E’ andata bene perché mi sono ritrovata tantissimi voti che mi hanno consentito di essere posizionata in terza posizione nella lista”.

Quanti voti ha preso? 

“Centouno. Si tratta ovviamente di attivisti perché solo loro potevano votare”.Quale è il suo stato d’animo in questo momento?
“Molta soddisfazione il giorno dello spoglio. Adesso incomincio a sentire un po’ di spaesamento perché mi stanno arrivando tantissimi messaggi e richieste di interviste. Tutto questo stravolge i normali ritmi di vita. Però sono contenta per il Movimento e per quello che andremo a fare perché penso che ci troviamo di fronte ad una buona occasione per fare delle riforme serie e incisive per l’Italia”.

Ha avuto esperienze politiche precedenti a questa?
“No nessuna”.

Il suo orientamento politico precedente?
“Sinistra”.

E’ corretto dire che la maggior parte dei grillini sono persone che prima votavano il centro sinistra?
“No è sbagliato. Dentro il Movimento c’è un po’ di tutto. Ci sono anche tanti imprenditori e ragazzi che prima militavano nella destra. La cosa che ha sorpreso anche me è constatare che è possibile dialogare tra persone provenienti da aree politiche diverse e anche opposte trovando un terreno comune sulle riforme che servono a tutti. Alla fine volevamo e chiedevamo le stesse cose e questo è sorprendente”.

C’è molta curiosità attorno al M5S anche perché si tratta della vostra prima esperienza parlamentare. Avete già iniziato ad occuparvi degli aspetti organizzativi? 
“Ancora no. Ci sarà una riunione a livello nazionale la settimana prossima”.

Fino ad ora Beppe Grillo è stato il vostro leader carismatico e praticamente unica voce. Come cambierà il suo ruolo in futuro? 
“Penso che resterà più dietro le quinte rispetto ad ora e fare emergere altre figure del Movimento”.

Non teme che una parte del M5S possa essere sedotta dal potere e perdere la sua identità? La storia è piena di rivoluzioni tradite.
“Qualcuno potrebbe lasciarsi comprare ma sono convinta che sarà una minoranza. Siamo tutti molto motivati e carichi di senso di responsabilità”.

Molti vi accusano di essere populisti. Per esempio, dove troverete le risorse economiche per finanziarie proposte come il reddito di cittadinanza? 
“Innanzitutto dal taglio dei costi della politica e dalle pensioni d’oro”.

Sono tagli importanti a livello simbolico ma non quantitativo. Avete fatto degli studi sul bilancio pubblico per capire davvero dove reperire le risorse?
“Non ancora ma li faremo. Questo non mi sembra un problema. Non sono importanti gli studi che poi restano carta straccia. Quando saremo lì vedremo nel concreto dove trovare le risorse. L’hanno fatto gli altri paesi e non vedo perché non potremo farlo noi”.

Cosa pensa del discorso fatto ieri da Bersani e della proposta di collaborazione lanciata al M5S? E’ possibile ipotizzare un percorso comune tra il Pd e voi? 
“Una alleanza di coalizione con appoggio a priori non sarà possibile. Noi vogliamo ragionare sulle singole proposte. Anche il Pd ha una occasione d’oro per fare le riforme che davvero servono al Paese”.

C’è però un aspetto tecnico di non poca rilevanza. Per poter nascere un governo Pd avrebbe bisogno della fiducia al Senato e qui l’astensione equivale ad un voto contrario. Lei sarebbe disposta a votare la fiducia a Bersani? 
“ Si”.

Quando si tornerà al voto?
“Mi auguro il più tardi possibile perché spero che i partiti accolgano il segnale forte che viene dalla cittadinanza e dalla società civile. Come ho detto prima siamo disposti ad appoggiare singole proposte e riforme anche se ovviamente continueremo ad apporci ad idee come la Tav, il ponte sullo stretto di Messina o l’acquisto degli F35. Saremo aperti solamente verso quelle istanze che provengono dal basso e che purtroppo continuano a non essere ascoltate”.

Lei arriva da una regione, la Sardegna, che ha gravi problemi economici. Cosa farà per la sua isola?
“Lavorerò per far ripartire lo sviluppo turistico. Penso per esempio a progetti importanti come il parco geominerario del Sulcis-Iglesiente e la valorizzazione del patrimonio archeologico delle zone interne. Il modello economico della Sardegna è tutto da ripensare, non possiamo illuderci di continuare a mantenere in vita attività industriali orma a fine ciclo”.
Annunci

One thought on “Movimento 5 Stelle: Gli eletti in Sardegna.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...